• Arianna Destito

La vita davanti a sé

Ci sono storie che ti porti dentro, che non ti abbandonano mai. Basta una frase, a volte solo un titolo e ti restituiscono tutto. Così mi è successo dopo aver letto La vita davanti a sé di Romain Gary. L'ho gustato, ho sottolineato le frasi. Ho persino fatto le orecchie alle pagine per ritrovarle e non perdermi nulla di un romanzo potente nella sua apparente semplicità e dalla prosa poetica. L'ho amato come si ama Momò, il protagonista, un ragazzino che vive con una ex prostituta, Madame Rosa nel quartiere multietnico di Belleville a Parigi, insieme ad altri ragazzi come lui figli di prostitute.

Un linguaggio particolare, la voce di un bambino e il suo modo di vedere il mondo attorno a lui. La grandezza di questo libro sta nella capacità dell'autore di adottare sulla realtà la prospettiva totalmente straniante di un bambino che a poco a poco impara a darsi una spiegazione di quello che gli accade intorno. Da qui nasce la poesia e l'incanto. E l'amore per la vita, nonostante tutto.

"Dovevo avere tre anni quando ho visto Madame Rosa per la prima volta. Prima non si ha memoria e si vive nell'ignoranza. La mia ignoranza è finita verso i tre o quattro anni e certe volte ne sento la mancanza." [...]"

"All'inizio non lo sapevo di essere senza madre e non sapevo nemmeno che ce ne volesse una. Madame Rosa evitava di parlarne per non darmi pensieri. Non lo so perché sono nato e come sia successo esattamente. [...]

" Da Madame Rosa eravamo quasi tutti figli di puttane; quando andavano per qualche mese a battere in provincia, venivano a trovare i loro marmocchi prima e dopo. E' stato così che ho incominciato ad avere problemi con mia madre. Mi sembrava che tutti quanti ne avessero una fuori che me." [...]

"Signor Hamil, perché non mi rispondete?"

"Sei molto giovane, e quando si è molto giovani ci sono cose che è meglio non sapere".

" Signor Hamil si può vivere senza amore?"

" Sì",ha detto, e ha abbassato la testa come se si vergognasse.

Mi sono messo a piangere.

Per molto tempo non ho saputo che ero arabo perché non c'era nessuno che mi insultava. L'ho saputo soltanto a scuola. Ma non facevo mai a botte, fa sempre male picchiare qualcuno.

[ La vita davanti a sé. Romain Gary. Neri Pozza. traduzione di Giovanni Bogliolo]

1/2
Themeltingpop.com
Iscriviti alla newsletter

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com

I contenuti presenti sul blog The Melting Pop sono di proprietà di The Melting Pop.

È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2019 The Melting Pop . All rights reserved

Le fotografie presenti su The Melting Pop appartengono ai rispettivi titolari, e non possono essere utilizzate, stampate, riprodotte, copiate, divulgate, salvate elettronicamente o in altri modi, senza il consenso dei rispettivi titolari. Alcune foto sono tratte da Internet, qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarcelo e saranno subito rimosse.

La Redazione dichiara di non essere responsabile per i contenuti e i commenti inseriti nei post dagli autori. Eventuali commenti dei visitatori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi alla Redazione, nemmeno se i commenti vengono espressi in forma anonima o criptata. La Redazione di The Melting Pop si riserva il diritto di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio, commenti che risultassero offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Gli utenti del blog che inseriscono commenti pertanto se ne assumono la piena e totale responsabilità.

  • White Facebook Icon

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.